Che cos’è il counseling per bambini

Counseling pedagogico: in che modo il Counseling può diventare una risorsa fondamentale nell’età evolutiva per i bambini, i ragazzi e i giovani adulti. 

Comunicare, al giorno d’oggi, è una vera e propria impresa. Comunicare correttamente, con l’intento di farsi capire, di instaurare relazioni piacevoli e di far conoscere se stessi al mondo esterno lo è ancora di più. 

Per bambini, adolescenti e giovani adulti il modo di comunicare cambia e si evolve ancora più velocemente attraverso i canali digitali, i mezzi tecnologici, le piattaforme di chat, streaming, social networking e video-blogging. 

È in questo contesto fortemente innovativo nel quale si inserisce il Counseling pedagogico: un insieme di attività che danno modo ai più giovani di imparare o reimparare ad ascoltare sé stessi e gli altri, a riflettere sui propri sogni e bisogni, a comprendere o accogliere i cambiamenti della vita e molto altro ancora –> Scopri anche a che cosa serve il Counseling per l’adozione! 


Che cos’è il Counseling pedagogico?

Il Counseling pedagogico non è altro che un percorso di Counseling mirato nel tempo e rivolto, però, ai più piccoli. Parliamo in modo più ampio di: minori, preadolescenti, adolescenti, giovani e giovani adulti. 

Il Counseling pedagogico può affrontare temi anche molto diversi tra loro all’interno degli ambiti scolastico, familiare, sociale, creativo. 

Per questo, un percorso di counseling pedagogico, è suggerito anche a genitori e educatori per sostenere i bambini lungo il loro percorso di crescita personale e relazionale. 

Accompagnando e sostenendo gli adulti nel processo educativo è più facile creare modalità e ordini che permettono di instaurare relazioni salutari all’interno di sistemi diversi affinché il bambino si senta accolto in un posto sicuro mentre scopre se stesso e il modo.

Quando intraprendere un percorso di Counseling 

Un percorso di Counseling può essere utile e vantaggioso sia per i bambini sia per gli adolescenti, soprattutto nei momenti di cambiamento, in caso di separazione dei genitori, nella fase pre-adolescenziale, in concomitanza della perdita di un familiare o durante la scelta di un percorso formativo scolastico, ma non solo. 


Durante tutta l’età evolutiva (che va dalla nascita all’incirca fino ai 20 anni) il Counseling può rivelarsi una risorsa fondamentale per accompagnare bambini, ragazzi e giovani adulti alla scoperta e alla comprensione di loro stessi, alla risoluzione di complicazioni relazionali, sociali, familiari e alla ridefinizione di una quotidianità e di un modo di pensare nuovi, sani e soddisfacenti. 

Il Counseling è utile ed efficace anche all’interno degli ambienti scolastici per aiutare bambini e ragazzi a risolvere conflitti relazionali, ad affrontare fin da subito eventuali episodi di bullismo, a comunicare in modo più efficace con i docenti, a individuare un percorso di studi adeguato ai loro sogni. 


I benefici del Counseling per i bambini 

Parlare, riflettere, ragionare, immaginare ed esprimere le proprie idee può portare solo benefici nello sviluppo dei bambini e dei ragazzi. A maggior ragione se queste attività entrano a far parte della loro quotidianità e della loro vita fino a diventare un vero e proprio modo di essere. 

Il Counseling può aiutare i bambini a: 

• comprendere meglio il mondo degli adulti
• elaborare e riflettere sulle proprie emozioni
• riconoscere e comprendere le proprie emozioni
• individuare i propri sogni e le risorse per realizzarli
• trovare le proprie idee e imparare a ragionare con la propria testa
• comprendere e affrontare i cambiamenti
• acquisire consapevolezza delle dinamiche sociali
• comunicare meglio con genitori e docenti
• riflettere sul proprio percorso di studi presente e futuro 

Vuoi capire meglio che cos’è il Counseling per bambini? Iscriviti ai nostri corsi e diventa Counselor!