Spese mediche per disabili: agevolazioni Irpef

spese mediche per disabili

In Italia, alcune spese mediche sostenute per i disabili sono interamente deducibili dal reddito complessivo annuo. Queste sono deducibili anche se vengono sostenute da familiari di persone con disabilità non fiscalmente a carico. In caso di ricovero, non è possibile detrarre l’intera retta pagata, ma esclusivamente la parte riguardante le spese mediche, paramediche e assistenziali. Per essere deducibili, queste devono essere indicate per esteso nella fattura rilasciata dall’ospedale.

Le spese sanitarie specialistiche (analisi, operazioni chirurgiche… ) danno diritto a una detrazione Irpef del 19% su una spesa maggiore a 129,11 euro. Tale detrazione è fruibile anche per i familiari dei disabili fiscalmente a carico. Prevedono una detrazione del 19% anche le spese destinate a:

  • trasporto in ambulanza della persona con handicap;
  • acquisto di poltrone per inabili e minorati impossibilitati a camminare;
  • apparecchi per il contenimento di fratture, ernie e per la correzione dei difetti alla colonna vertebrale;
  • acquisto di arti artificiali per la deambulazione;
  • lavori per eliminare le barriere architettoniche esterne e interne degli edifici abitativi o necessarie a modificare l’ascensore;
  • sussidi tecnici e informatici destinati a facilitare l’autosufficienza e le possibilità di integrazione dei portatori di handicap riconosciuti tali ai sensi dell’articolo 3 della legge n. 104/92. Queste spese comprendono l’acquisto di fax, modem, computer, telefoni con viva voce, ausili touch screen e tastiere espanse.

Sono inoltre ammesse alla detrazione del 19% le spese riguardanti i mezzi necessari per l’accompagnamento, la deambulazione e il sollevamento dei disabili accertati ai sensi dell’articolo 3 della legge n. 104/92, indipendentemente dal fatto che fruiscano o meno dell’assegno di accompagnamento.

Per approfondire: Agenzia delle Entrate

Vuoi saperne di più sulle agevolazioni Irpef?

Contattaci subito!