Disabili e contributi

Disabili e contributi

Anche la famiglia del disabile deve contribuire alle spese per gli interventi relativi ai servizi sociali: per calcolare dei contributi a carico dell’utente, vanno considerati non solo i redditi del disabile, ma anche quelli del nucleo familiare.

Lo stabilisce una sentenza del Consiglio di Stato depositata lo scorso 26 gennaio e relativa al ricorso che aveva coinvolto un comune ed il tutore di quattro persone disabili.

Tra le questioni da risolvere c’era la determinazione dell’ammontare del contributo a carico del soggetto interessato e della sua famiglia, riguardo all’assistenza ai disabili ed in particolare in merito alle spese assistenziali.

Oggetto della discussione il fatto che, ai fini del calcolo del contributo, venisse rilevata solo la situazione reddituale dell’assistito oppure anche quella dell’intero nucleo familiare.
Una decisione che potrà avere conseguenze di un certo peso sulle famiglie che si ritrovano in una situazione simile.

In alcune regioni italiane si stanno facendo investimenti importanti, proprio in questo senso. Ad esempio, nel piano d’azione regionale della Lombardia 2010-2020 per le persone disabili, è stato annunciato un investimento di 400 milioni di euro per il 2011, oltre alla spesa sanitaria.

L’obiettivo è agevolare chi vive una situazione di handicap, consentendogli di usare nel modo più completo possibile i servizi pubblici, dai trasporti alla dote per istruzione, formazione e università fino ad un utilizzo più esteso della Carta regionale dei servizi.

Vuoi saperne di più sui contributi per disabili?

Contattaci subito!