Come usare la mindfulness per combattere l’ansia

Mindfulness: un’alleata contro l’ansia per ritrovare serenità e pace interiore.

Si sente sempre più spesso parlare di mindfulness come di una pratica ormai più che necessaria per migliorare la qualità della vita, ma di che cosa si tratta nello specifico? Possiamo definire la mindfulness come un insieme di pratiche meditative volte a focalizzare nel presente chi le usa con la dovuta costanza. Ma si tratta, più in generale, del raggiungimento di uno stato mentale di benessere e privo di giudizio che consente di apprezzare profondamente il qui e ora.

Praticare mindfulness significa accogliere un vero e proprio cambiamento di vita che come tutto parte, in primis, dalla nostra mente e dal nostro modo di pensare. Eliminando pensieri disturbanti, intrusivi e eccessivamente critici, si impara a sentire le proprie emozioni, a elaborarle e a gestirle.

Mindfulness-Contro-l-Ansia-1024x682 Come usare la mindfulness per combattere l’ansia

Una maggiore consapevolezza di sé e della propria interiorità porta inevitabilmente a migliorare anche il proprio livello di empatia, sviluppando di conseguenza la capacità di comprendere gli altri e mettendo solide basi a una quotidianità fatta di accettazione e di amore –> Leggi anche come ritrovare la pace interiore!

«Se siamo felici, se siamo in pace, possiamo sbocciare come un fiore; e la nostra famiglia, tutta la società, trarranno beneficio dalla nostra pace» (Thich Nhat Hanh)

Da dove iniziare a praticare mindfulness

Tutti possono iniziare a praticare mindfulness, anche in questo esatto momento e senza particolari strumenti o conoscenze a disposizione. Tutto ciò che serve è la volontà di prendersi del tempo, che possono essere anche solo pochi minuti, per centrarsi su di sé, chiudere gli occhi, sedersi in una posizione comoda e seguirsi.

Poiché ai primi tentativi può risultare difficile praticare in autonomia, il consiglio è di affidarsi a una guida più esperta che sappia condurre gradualmente alla meditazione e rispondere a eventuali dubbi o difficoltà riscontrate.

Che-Cos-E-la-Mindfulness-1024x682 Come usare la mindfulness per combattere l’ansia

Più si pratica e più diventerà facile praticare, in qualsiasi posto e in qualsiasi momento, anche solo per pochi minuti ogni volta che è possibile. La mindfulness, oltre a essere un’ottima alleata contro l’ansia e nella gestione delle emozioni, offre anche un ottimo allenamento per il cervello.

Cosa serve per iniziare
• coerenza per praticare con regolarità
• una guida più esperta

Cosa si fa in una seduta di mindfulness

In una seduta di mindfulness si dedica tempo e ascolto a se stessi. Generalmente, la pratica più comune prevede di sedersi a gambe incrociate, trovare una posizione comoda, chiudere gli occhi e ascoltare il respiro, concentrarsi su visualizzazioni, mantra o altri tipi di attività guidate.

A-Cosa-Serve-la-Mindfulness-1024x682 Come usare la mindfulness per combattere l’ansia

Usare la mindfulness contro l’ansia: funziona?

Come già anticipato, praticare mindfulness con regolarità permette, tra le varie cose, di connettersi profondamente con se stessi e con il proprio sentire. Tutto ciò permette inevitabilmente di coltivare la capacità di riprendere in mano le nostre emozioni nel momento in cui sembrano sopraffarci.

L’obiettivo della mindfulness, ovviamente, non è fornire formule magiche in grado di bloccare sul nascere qualsiasi sensazione negativa che possa farci visita durante il giorno, ma aiutare le persone a trovare le competenze interiori che ognuno ha per accogliere, ascoltare e trasformare ciò che prova.

Vuoi scoprire ancora meglio come usare la mindfulness contro l’ansia? Iscriviti al nostro Corso!