I corsi più adatti per lavorare con i disabili

Studi, esercitazioni, stage e tirocini: gli ingredienti dei migliori corsi per lavorare con i disabili.

«Lavorare con i disabili è un mestiere che comporta tante responsabilità, ma che allo stesso permette di raccogliere moltissime soddisfazioni. È un mestiere che, a poco a poco, trasforma la vita personale e privata insegnando a guardare il mondo da molti punti di vista e a rivalutare ogni giorno i pregiudizi che definiscono e limitano il concetto di “normalità”».

–> Impara a lavorare con i bambini disabili.

Così risponde Jessica, una giovane donna di 30 anni specializzata nell’ambito dell’assistenza, alla domanda: perché hai scelto di lavorare con i disabili?. L’abbiamo conosciuta durante uno dei nostri seminari e insieme abbiamo deciso di intervistarla per spiegare ai lettori del blog come diventare assistenti per disabili.

Jessica, che tipo di riconoscimenti servono per lavorare con i disabili?
«Per prestare assistenza specializzata nell’ambito della disabilità serve ovviamente un titolo – universitario o professionale – che certifichi le proprie competenze. In Italia esistono diversi corsi per lavorare con i disabili, i più validi si riconoscono in base alle discipline proposte nel piano formativo».

Quali sono le competenze più importanti da acquisire in questi corsi?
«Sicuramente non possono mancare competenze negli ambiti di psicologia, psicopatologia, farmacologia, anatomia, fisiologia, sociologia e legislazione. Per riuscire ad aiutare le persone con problematiche comunicative, è importante anche imparare a leggere le espressioni del viso».

A cosa serve, nello specifico, studiare queste discipline?
«Queste discipline permettono di fornire un servizio utile, sicuro ed efficace; di comprendere le necessità specifiche di alcune disabilità; di gestire i problemi quotidiani più frequenti; di relazionarsi correttamente; di cogliere i messaggi non verbali; di aiutare le persone a muoversi e a spostarsi in modo sicuro e di consigliare loro i servizi comunali più utili».

E per quanto riguarda la pratica sul campo?
«L’esperienza è ovviamente la migliore maestra. Prima di iscriversi a dei corsi per lavorare con i disabili è fondamentale verificare se prevedono stage o tirocini per mettere in pratica la teoria studiata sui libri. Oltre all’esperienza, non posso non citare l’importanza della passione personale: lo studio e la pratica non bastano per lavorare in un ambito tanto delicato; servono anche tanta empatia, altrettanta sensibilità e una buona dose di pazienza e di delicatezza».

Ringraziamo Jessica per la sua testimonianza e per tutti gli altri professionisti dell’assistenza che vorranno lasciarci i loro pareri tra i commenti.

Vuoi saperne di più sui nostri corsi per lavorare con i disabili? Contattaci!