Disabilità e scuola

barriere architettoniche

Tra scuole elementari e medie, gli studenti disabili in Italia sono circa 130.000. Il livello di integrazione si può considerare buono, anche se molto resta ancora da fare.

Un’indagine ISTAT appena divulgata e svolta in due tempi (ad aprile e maggio del 2009 e del 2010) ha cercato di rilevare risorse, attività e strumenti messi in campo dagli istituti per favorire l’inserimento degli alunni disabili.

È emersa in particolare la scarsa presenza di strutture adeguate per il superamento delle barriere architettoniche. Dalle scale ai servizi igienici, il 25% delle scuole del paese non si è attrezzata per consentire l’abbattimento di tali ostacoli; quasi il 40 % degli istituti, infatti, non dispone di appositi percorsi accessibili ai ragazzi disabili.
Trento, Bolzano e la Regione Lombardia hanno registrato i risultati migliori; agli ultimi posti di questa speciale classifica, Calabria e Valle d’Aosta.

L’indagine considera la tecnologia un fattore fondamentale per l’integrazione nelle scuole.
In questo caso, la situazione è leggermente migliorata nel 2010: le scuole primarie e di secondo grado che dispongono di postazioni adeguate per soggetti con disabilità sono infatti quasi il 70%.

Altro capitolo è quello del personale a disposizione, insegnanti di sostegno in primis. In linea di massima l’obiettivo posto dalla Finanziaria del 2008 (un insegnante di sostegno ogni due alunni disabili) è stato raggiunto, ma tra le regioni ci sono differenze importanti. Per esempio, la Basilicata registra una media di 1,4 studenti per docente, la più bassa, seguita dalla Calabria con 1,7. Peggiori i dati in Lazio ed Abruzzo con una media di 2,5 alunni per insegnante.

Vuoi saperne di più sulla scuola per i disabili?

Contattaci subito!