Come affrontare il rientro al lavoro dopo la maternità

5 consigli utili per capire come affrontare felicemente il rientro al lavoro dopo la maternità.

Molte donne, quando ricominciano a lavorare dopo la maternità, si sentono in colpa all’idea di lasciare il proprio bambino a una babysitter o, ad esempio, se provano il desiderio di realizzarsi anche professionalmente e non solo come mamme. Se poi il bambino è molto piccolo, i sensi di colpa possono farsi sentire ancora di più. In questo post elenchiamo 5 consigli per ricominciare a lavorare dopo aver avuto un figlio, senza farsi prendere dall’ansia di non essere una brava mamma.

–> Scopri anche come affrontare il rientro dalle vacanze!

1. Non sentirti in colpa 


Cerca un equilibrio che ti permetta di sentirti appagata e, al tempo stesso, anche di passare del tempo di qualità con tuo figlio. Ricordati che una donna soddisfatta è anche una mamma migliore.

2. Valuta le tue priorità 


Prima di ricominciare a lavorare, scrivi una lista delle cose che vuoi fare in futuro, pensando anche a come vuoi metterle in pratica e a quanto tempo vuoi dedicare a ognuna. Appendi la lista in un posto visibile della casa in modo tale da ricordarti, ogni giorno, dove vuoi arrivare.

3. Programma una routine

Conciliare i bisogni del tuo bambino con i tuoi desideri professionali e con le tue esigenze personali richiede un po’ di tempo, ma soprattutto un bel po’ di organizzazione. Non temere: anche se non hai particolari abilità innate sotto questo punto di vista, con pazienza anche tu riuscirai a creare una tua routine fatta di ninne nanne, giochi e scoperte, ma anche di relax, hobby e lavoro. Procurati un’agenda e inizia a programmare, all’inizio forse non riuscirai a rispettare tutti i tuoi obiettivi, ma con il tempo diventerai infallibile. Il segreto è non mollare!



4. Chiedi aiuto 


Non riesci a gestire tutto come vorresti? Tranquilla, nessuno nasce mamma e tutte le donne che hanno la fortuna di diventarlo passano questa fase. Non aver paura di confidarti con il tuo compagno e di coinvolgere i tuoi genitori o la tua migliore amica se senti il bisogno di ridefinire i tuoi impegni quotidiani prendendoti del tempo per te: essere una brava mamma significa anche capire quando è il momento di chiedere aiuto.

5. Sorridi

Quando qualcosa non ti riesce, prendila con ironia e sorridi: sei appena diventata mamma e questa è una splendida ragione per sorridere alla vita.

Ricevi altri consigli su come affrontare

il rientro al lavoro dopo la maternità, scrivici!