Che cos’è il «Partner Phubbing»?

Il «Partner Phubbing»: che cos’è e come evitarlo.

Il termine «Partner Phubbing» è entrato nell’uso quotidiano, anche in Italia, solo da qualche anno, in concomitanza con l’utilizzo sempre più frequente e spasmodico degli smartphone. La voce deriva dall’unione delle parole «partner phone snubbing» e si riferisce, sostanzialmente, all’abitudine di lasciarsi distrarre, mentre si è insieme al proprio partner, da dispositivi digitali diversi, come ad esempio dal tablet, smartphone e computer.

–> Scopri come comunicare meglio con il partner!

È molto evidente nei giovanissimi, ma non ne sono immuni nemmeno le generazioni più «mature». Quante volte ci è capitato di osservare, al ristorante o al bar, una coppia ammutolita davanti agli schermi dei rispettivi cellulari? Senza rendersene conto, ognuno di noi sceglie di passare del tempo, parecchio tempo, davanti al proprio smartphone. Se provassimo a cronometrarci ogni volta che prendiamo in mano il telefono durante il giorno, probabilmente resteremmo impressionati dal numero di minuti (se non ore) preziosi che dedichiamo quotidianamente alla nostra vita digitale.

Contando il minimo, i risultati fanno davvero sobbalzare: 10 minuti al mattino, 5 minuti in pausa pranzo, 5 minuti in pausa caffè, 10 minuti la sera, dopo cena, per controllare lo status degli amici e le notizie di cronaca e altri 15 minuti prima di andare a dormire per liberarsi la mente con qualche gameplay. Totale: 45 minuti. 45 minuti in cui, quando non esistevano gli smartphone, si portava il cane al parco, si chiedeva al partner di raccontarci la sua giornata, si faceva l’amore, si leggeva un libro.

Inutile «demonizzare» gli strumenti digitali, non è a questo che vogliamo arrivare. Prima di arrivare al «Partner Phubbing», però, è importante imparare a osservarsi e cercare di mantenere un equilibrio tra vita reale e vita digitale.

I primi passi per «guarire» dalla «sindrome del pollice digitale» consistono, ad esempio, nell’evitare di portare il telefono a tavola mentre si cena con qualcun altro; nel silenziare le notifiche quando si guarda un film insieme; nell’attivare il «non disturbare» da una certa ora in poi e nell’evitare di documentare ogni istante della propria vita cercando di ridurre almeno leggermente il flusso di foto e video condivisi online.

Vuoi saperne di più sul Partner Phubbing?

Scrivici!