Come assistere un anziano depresso

Come Assistere un Anziano Depresso

5 suggerimenti per capire come assistere un anziano depresso.

Che cos’è la depressione? Si tratta di un disturbo dell’umore abbastanza diffuso, soprattutto tra gli anziani, che porta con sé tristezza, pensieri negativi, mancanza di piacere nello svolgere qualsiasi tipo di attività quotidiana, perdita di interesse verso le passioni che prima erano importanti e altre conseguenze come, ad esempio, l’inappetenza. La domanda quindi sorge spontanea: come assistere correttamente un anziano depresso?

–> Scopri quali sono i sintomi della depressione senile!

La prima cosa da ricordare, quando si assiste un anziano depresso, è che dalla depressione si può guarire a qualsiasi età. Non da soli, però. Il trattamento di questo disturbo, così come la sua diagnosi, deve assolutamente essere affrontato da uno specialista (psichiatra o psicoterapeuta) adeguatamente preparato. È compito dello specialista comunicare la gravità del disturbo e gli eventuali trattamenti necessari.

Il ruolo dell’assistente, invece, può diventare fondamentale proprio nella fase della gestione quotidiana dell’anziano. Di seguito, i nostri consigli.

5 consigli per assistere un anziano depresso

1. Prendi un appuntamento con uno specialista
Se l’anziano presenta dei sintomi evidenti di depressione, incoraggialo a prendere un appuntamento con uno psichiatra o con uno psicoterapeuta.

2. Non sottovalutare la sua sofferenza
Evita frasi come: «Questo non è niente in confronto a… », «Perché non sai che cos’è successo a… », «C’è chi sta peggio». Quella che a te può sembrare una piccola sofferenza, per qualcun altro potrebbe essere molto di più.

3. Ascoltalo
Condividere le sofferenze serve anche a condividere il loro peso. A volte non servono molte parole per far sentir meglio un anziano depresso, basta saperlo ascoltare.

Evita di dirgli «Ti capisco perfettamente» o «Non posso nemmeno immaginare che cosa significhi»: la prima frase potrebbe non essere vera e in ogni caso tutti viviamo esperienze diverse, impossibili da comprendere veramente da fuori; la seconda allontana e ti mette in una posizione d’inferiorità e di fragilità. Ricordati che tu sei un assistente, di conseguenza anche se non puoi sapere come si sente, non puoi nemmeno non saperlo completamente!

4. Non farti influenzare
Mantieni alto l’umore, soprattutto quando l’anziano tende a deprimersi di più. E non scoraggiarti dopo i primi tentativi!

5. Incoraggialo ad aprirsi
Durante le belle stagioni, proponi attività all’aria aperta e incoraggia l’anziano a stringere nuovi rapporti. Nei mesi più freddi, non chiudervi in casa, cerca piuttosto di inserire l’anziano in qualche attività di gruppo organizzata dal comune o dalle associazioni vicine.

Chiedici altri consigli per assistere

un anziano depresso, scrivici!