Intervista a Claudia Brembilla

Claudia Brembilla della provincia di Bologna, ha scoperto la sua propensione per l’Assistenza agli Anziani per puro caso. Quando ha iniziato il Corso all’Istituto Cortivo, cercava un piano B per costruirsi un nuovo futuro, ma non si aspettava di scoprire una parte inesplorata di se stessa.

Ciao Claudia, come mai ti sei iscritta al Corso dell’Istituto Cortivo?
La mia azienda, dopo tanti anni di lavoro, ha cambiato gestione e ha iniziato a vacillare. Avevo bisogno di trovare un’alternativa che, a 50 anni, mi desse comunque l’opportunità di vivere serenamente. È stata una vera scoperta ritrovarmi, a poco a poco, davanti a una nuova grande passione.

«Il Corso di Assistente agli Anziani dell’Istituto Cortivo ha cambiato e migliorato tantissimo il rapporto che ho con mia madre»

E la struttura in cui hai svolto il tirocinio ti ha fatto una proposta di collaborazione…
Sì, dopo sole tre settimane di tirocinio, mi è stato chiesto se volevo continuare a lavorare anche dopo la formazione. Ho dovuto rinunciare perché in questo momento sto portando avanti il lavoro nella mia vecchia azienda, ho intenzione di dedicarmi all’Assistenza agli Anziani appena mio figlio potrà mantenersi a pieno regime.

Raccontaci com’è andata questa esperienza formativa
Devo essere molto sincera: è stata un’esperienza molto dura perché con il distanziamento sociale obbligatorio in questo periodo è ancora più difficile entrare in contatto con gli anziani e stabilire un rapporto con loro. Tuttavia, mi ha dato tantissime soddisfazioni e mai avrei pensato di creare legami così belli durante questa esperienza.

«Io non pensavo che l’Assistenza agli Anziani potesse piacermi tanto, è stata una scoperta bellissima»

Che progetti e sogni hai per il futuro?
Vorrei cambiare città, andare a vivere vicino al mare e inserirmi nel mondo dell’Assistenza alla persona. Sogno di cambiare vita, di dedicarmi di più a me stessa e anche di fare la mia parte per gli anziani, per migliorare in qualche modo anche la loro vita.