Intervista a Cristina Carlodalatri

Cristina Carlodalatri di Alatri (FR) si è specializzata in Assistenza all’Infanzia diversi anni fa. Dopo un periodo di pausa lavorativa, si è rimessa in gioco con tutta se stessa. Oggi, definisce gli ultimi dettagli del suo nuovo nido che sta per aprire in collaborazione con l’Associazione “Scarabocchiando a casa di…”. La sua storia? Un percorso di tenacia e di passione.

Ciao Cristina, com’è iniziata la tua storia professionale?
È iniziata ormai parecchi anni fa. Diciamo che dopo aver finito gli studi non ho trovato subito lavoro, ma ho provato strade diverse e ho aperto varie attività in ambiti che non avevano a che fare con il sociale. In tutti questi periodi della mia vita, però, ho sempre sentito che il mio futuro doveva essere con i bambini.

Quando hai deciso di cambiare tutto? Cos’è successo?
A causa di alcuni problemi familiari, ho dovuto mettere da parte le attività precedenti e prestare assistenza a casa. Da un po’ è tornata la calma e ho deciso di rimboccarmi le maniche, di fare davvero quello che mi piace.

Adesso che cosa fai durante il giorno? E che cosa hai in programma per il futuro?
In questo momento sto facendo un tirocinio presso un nido-famiglia, dalla mattina fino alle 16.00 del pomeriggio. In settembre, però, aprirò un nido tutto mio, in collaborazione con l’Associazione “Scarabocchiando a casa di…”. Il mio nido seguirà la filosofia dell’associazione, che ovviamente riflette anche il mio modo di concepire l’educazione. Il metodo è quello montessoriano, che non necessita di tante presentazioni: i bambini saranno liberi di fare e di scegliere se partecipare o meno alle attività programmate, portando rispetto verso gli altri e in massima autonomia.

«In settembre realizzerò finalmente il mio sogno di aprire un asilo nido tutto mio»

Una vera e propria rivoluzione professionale…
Sì, esatto, ho letteralmente rivoluzionato la mia vita. L’Associazione “Scarabocchiando a casa di…” me l’ha fatta conoscere mio marito, poi insieme siamo andati a Roma per conoscere il Presidente e i responsabili e loro ci hanno aperto un nuovo mondo. È nato tutto in modo molto spontaneo e ormai è tutto pronto per l’apertura.

Quanto coraggio serve, oggi, per avviare una propria impresa?
Secondo me, più che coraggio serve soprattutto tanta passione. Se c’è passione, non c’è ostacolo che tenga. Tutto si può superare, basta volerlo.

«Qualsiasi sogno si può realizzare, se lo si desidera realmente»

Dove ti vedi tra 5 anni?
Mi vedo qui, nel mio nido, con i “miei” bambini che continuo a crescere professionalmente e umanamente. Perché, quando si parla di bambini, si sa che sono loro a insegnarti più che tu a farli crescere. Sono positiva e vedo un futuro limpido all’orizzonte.

logo-scarabocchiando-a-casa-di