INTERVISTA A CHIARA DI FELICE

“Ho terminato la formazione come Operatrice Socio Assistenziale per l’Infanzia il 10 ottobre scorso – racconta Chiara Di Felice di Roma, entusiasta di essere entrata ormai ufficialmente nel ruolo di ex allieva dell’Istituto Cortivo. “Sull’attestato c’é scritto un bel sessanta e quindi mi considero molto soddisfatta”.

Un titolo che è un riconoscimento all’impegno di una ragazza già da un anno operatrice presso l’Asilo Nido La Coccinella, dove ha svolto un lungo tirocinio.

“Più lungo del previsto. Per intoppi burocratici che non sto a descrivervi, ho dovuto quasi raddoppiare le trecento ore previste. Ma ne è valsa la pena perché mi sono cimentata sul campo, mi sono fatta apprezzare e mi hanno chiesto di rimanere”.

Chiara, sappiamo che hai un diploma di perito aziendale, cosa ti ha portato a scegliere il terzo settore?

“Dopo la maturità ho lavorato per un po’ in ufficio. Una pena insopportabile, tutti i giorni uguali e monotoni… Ho capito subito che dovevo cambiare e, visto che mi sono sempre piaciuti i bambini, ho pensato di seguire un percorso adatto al mio progetto. A parlarmi dell’Istituto Cortivo è stata un’amica, già vostra allieva. Mi sono iscritta e devo ammettere che il corso di studi è stato veramente interessante, ma anche impegnativo perché gli argomenti trattati mi erano completamente nuovi”.

Raccontaci del tuo lavoro…

“Anzitutto voglio descrivere l’asilo, una struttura molto accogliente, luminosa e colorata, con un ampio giardino esterno attrezzato con giochi, varie sale e classi di bambini divise per età. Io seguo i lattanti, sono dieci in tutto e ad accudirli siamo in tre. E’ bello occuparsi di loro, anche se molto faticoso. E’ un lavoro che comprende anche il confronto e il dialogo continuo con i genitori: ci chiedono come è andata la giornata, vogliono sapere le cose nei dettagli ed è naturale perché è qui che i loro figli trascorrono gran parte del tempo. Il mio è un ruolo che richiede una grande consapevolezza delle proprie responsabilità. Ma i piccoli mi ripagano di tutto perché sono sempre allegri e sereni. Significa che stanno bene con noi. Finora nessun genitore si è lamentato”.

Sei molto giovane, hai solo 23 anni, hai progetti per il futuro?

Sì, aprire un asilo tutto mio. Ci sto pensando con alcune colleghe. E’ un’idea che deve ancora crescere e rafforzarsi ma, nel frattempo, accumulo esperienza e cerco anche di risparmiare qualcosa…”.

Hai mai frequentato i seminari del Cortivo, in particolare quelli per l’Impresa Sociale?

“No, ma prima o poi mi iscriverò: devo trovare l’occasione in cui le date del corso saranno compatibili con i miei impegni di lavoro”.