Seminario Lontano dalla mia terra

Creatività, comicità, comunicazione: contro la malattia e l’isolamento. 19-21 giugno 2006.

Il ricordo di questo seminario, dedicato agli ambiti infanzia e multiculturalità, svoltosi come di consueto a Padova, in Villa Ottoboni, è ancora ben vivo negli allievi e negli ex-allievi Cortivo che l’hanno vissuto in prima persona.

Che cosa succede ad un bambino quando è costretto ad allontanarsi, temporaneamente o no, da casa e dal suo contesto affettivo e culturale, per essere ricoverato in ospedale o per emigrare in un paese straniero? Come rendere l’esperienza dello “sradicamento” meno violenta e traumatica?

A queste domande hanno provato a rispondere, da diversi punti di vista, vari esperti.

La dott.ssa Elena Bertocco, educatrice della ASL di Padova, impegnata con il progetto “Servizio Gioco Animazione” ad ideare momenti di spettacolo – musica, danza, teatro – e laboratori creativi (in collaborazione con l’Unione Artigiani), ha presentato il suo approccio sdrammattizzante, che punta ad attenuare nel bambino la paura dell’ospedale e dei diversi strumenti medici.

Il dott. Alessandro Prendin ha presentato il sito Mondo Bolla, concepito per ridurre l’isolamento e l’ansia da ricovero. Diversificato per durata della degenza, il sito, visitabile da bambini ospitati in Oncoematologia o nel Pronto Soccorso, messi in comunicazione dalla tecnologia Wi-Fi, ha permesso ai piccoli di divertirsi, di parlare tra loro e di seguire le attività didattiche delle loro classi attraverso una webcam.

I rappresentanti della Federazione Vip Italia Onlus, associazione specializzata in Clown Therapy, la terapia del sorriso ideata dal dottor Patch Adams, hanno evidenziato, con laboratori ed esercizi pratici, quanto la fantasia e la fiducia negli altri possano aiutare non solo i bambini, ma anche gli stessi medici e infermieri, ad instaurare un’atmosfera positiva e carica di buonumore: per lavorare meglio e “scacciare”, almeno metaforicamente, la malattia.

Galleria Fotografica