NewsOttobre14.Test.OK

Sicool

Un’assemblea nel segno della Legge e delle professioni libere.

È passato più di un anno e mezzo dall’entrata in vigore della legge n.4 del 14 gennaio 2013, quella ormai famosa che ha riconosciuto le cosiddette professioni libere, non organizzate in ordini o collegi, e ha aperto, anche in ambito sociale, nuove e concrete prospettive di lavoro.

L’assemblea annuale di Sicool, alla presenza della Presidente Candida Mantini e del Vice Presidente Massimiliano Babusci, ha permesso di verificare la “messa in opera” della legge e di fare il punto sull’evoluzione dello scenario professionale per i Counselor e gli Operatori Olistici.

Il 20 settembre, in particolare, l’assemblea ha definito le candidature per il Comitato Scientifico dell’Associazione e ha affrontato il tema dell’evoluzione del rapporto tra Sicool ed enti di formazione accreditati; un tema che richiede ulteriori approfondimenti per arrivare a definire i nuovi impegni reciproci, alla luce degli obblighi formativi stabiliti dalla legge per le Associazioni riconosciute nei confronti dei propri associati.

Il 21 settembre, prima dell’Assemblea, si è svolto il Convegno “Come un Professionista può vedere il suo futuro. L’identità del professionista olistico in un mondo che cambia”.
Dopo l’apertura dei lavori da parte di Candida Mantini, Guido Traversa ha affrontato il tema  de “Il cambiamento: verso una nuova forma di reponsabilità e consapevolezza professionale”.
A seguire Franco Del Conte ha parlato del Professionista associativo e dell’attestazione di competenza, mentre Emiliana Alessandrucci ha illustrato “l’evoluzione delle professioni non organizzate” e analizzato i risultati ottenuti e le aspettative legate al rapporto con il Colap (Coordinamento Libere Associazioni Professionali).
Stefano Mini ha delineato poi ambiti e responsabilità del professionista olistico. “Il mio futuro: tra attesa e decisione, cosa c’è al di là del mio orizzonte professionale?” è stato il titolo dell’intervento conclusivo di Padre Marcelo Bravo Pereira.

Successivamente, la vera e propria Assemblea dei Soci ha approvato, tra l’altro, alcune modifiche allo statuto che rispondono alle richieste della legge n.4 soprattutto in materia di valorizzazione delle competenze degli associati, attraverso la formazione permanente, e di tutela degli utenti, mediante la creazione di uno sportello dedicato, la stipula di eventuali polizze assicurative, la chiarezza e la trasparenza della comunicazione, ecc.

Queste modifiche, rese possibili dal lavoro del Colap e di altre associazioni, e approvate all’unanimità, adeguano in tutte le sue parti lo statuto alle richieste della legge, condizione necessaria per chiedere al Ministero dello Sviluppo Economico il riconoscimento formale dell’associazione.

È stata in sintesi un’importante due giorni di confronti e riflessioni, che ha sottolineato ancora una volta come, in un contesto fluido e in evoluzione, Sicool – associata a Federcounseling e ad EAC (European Association of Counselling) – possa essere per un moderno “professionista olistico consapevole” un punto di riferimento necessario e insostituibile.

 

 

torna alla newsletter