TestataGennaio15

La mediazione familiare

Che cos’è.

Quando una coppia decide di scindersi e quando una famiglia inevitabilmente va in crisi, il tentativo di conciliare punti di vista ed esigenze di fatto inconciliabili può essere logorante e vano.
Spesso, al contrario, è più utile e produttivo aiutare le parti in causa a raggiungere accordi sostenibili e concreti, quando divergenze e conflitti si fanno più aspri: per ampliare gli spazi di incontro e comunicazione e per trasformare gli scontri in confronti.

Separazioni, divorzi, alimenti e contributi economici, successioni, affidamento dei figli: sono alcune delle cause più comuni di dissidi e, di conseguenza, alcuni degli ambiti di intervento del Mediatore familiare.

Il Mediatore familiare è infatti, per definizione, un terzo neutrale e assolutamente imparziale che si impegna ad accogliere con equilibrio e obiettività le ragioni degli uni e degli altri per far loro trovare un punto di convergenza, al di là di incomprensioni, dissapori, disaccordi e recriminazioni.

Ha il compito di fornire alla famiglia un ambiente strutturato e protetto, in autonomia dall’ambiente giudiziario.

 

torna alla newsletter