Corso Mediatore Familiare Cortivo: Intervista a Federica

Federica

La Dott.ssa Federica Turrin racconta la sua esperienza al corso di Mediatore Familiare dell’Istituto Cortivo. Spiega il ruolo del Mediatore e le competenze necessarie per svolgerlo nel migliore dei modi.

“Io sono Federica e dopo la laurea in Giurisprudenza, oltre ad aver iniziato l’attività di consulente d’azienda, mi sono appassionata fin da subito a quella che all’epoca si chiamava solo conciliazione e che oggi è più conosciuta con il termine di Mediazione civile e commerciale.

La mediazione civile e commerciale è in sostanza uno strumento di risoluzione delle controversie alternativo rispetto a quello che può essere il giudizio, dove però il ruolo del mediatore, proprio per questa differenza rispetto ad un giudizio, non è quello di imporre alle parti un accordo ma piuttosto quello di facilitare le parti chi si trovino in un conflitto per i più vari motivi, di riallacciare in un certo qual modo la comunicazione, che per vari motivi può essersi interrotta, e quindi di trovare insieme un accordo. Ovviamente questo richiede da parte del mediatore determinate competenze che vanno ben aldilà diciamo di quelle che possono essere delle conoscenze e proprio tecniche, in parte sicuramente giuridiche, che però gli richiedono l necessità di saper ascoltare, ascoltare attivamente le parti, di saper capire cosa le parti vogliano comunicare al di là della comunicazione verbale.

Ecco allora che nel corso di Counseling, così come proposto dall’Istituto Cortivo, ho cercato inizialmente appunto di avere una maggiore formazione professionale sotto questo punto di vista. Una volta che ho cominciato a frequentare il corso –che ormai frequento da quasi un anno- ho poi trovato ben altre risposte ovviamente anche per il fatto che il Mediatore civile e commerciale è cosa ben diversa dalla figura professionale del Counselor e attraverso questo corso veramente mi si è aperto un percorso che mi sta dando una formazione che va ben aldilà delle mie aspettative e che, tra le altre cose, mi permetterà di affrontare anche un altro ambito che a me sta molto a cuore, che è quello della mediazione familiare.”