Intervista a Sonia Langella, ex allieva con tre attestati Cortivo

FOTO LANGELLA SONIA

“Quasi avessi avuto un presentimento – racconta Sonia Langella di Milazzo in provincia di Messina – quando mi mancava solo qualche mese per concludere gli studi universitari e laurearmi in Giurisprudenza mi sono messa in contatto con l’Istituto Cortivo per iscrivermi ai suoi corsi”.

Quali specializzazioni hai scelto?
Amministratore di sostegno, Assistente agli anziani e all’infanzia. A quel tempo vivevo ancora a Napoli e così ho cominciato a frequentare il centro didattico di quella città”.

Come mai hai scelto proprio questi tre percorsi formativi?

“Anche se può sembrare strano, per me c’era un filo conduttore ben preciso. L’amministrazione di sostegno mi dava modo di allargare il campo di possibile impiego professionale se iniziavo a fare l’avvocato, mentre l’ Assistente agli anziani mi dava gli strumenti per rapportarmi al meglio con le persone entrate nella terza età, visto che solitamente sono proprio loro ad aver più bisogno di qualcuno che li aiuti a gestire autonomamente il loro patrimonio. La terza, invece, quella per l’infanzia, l’ho scelta perché da sempre adoro i bambini e, guarda caso, è proprio quella che per il momento mi sta dando le maggiori soddisfazioni”.

Le hai concluse tutte e tre?

“Sì, sono diventata Amministratore di Sostegno quando vivevo ancora a Napoli e poi mi sono sposata e trasferita a Milazzo. Ma gli esami ho continuato a farli a Napoli, erano un’ottima scusa per tornare a casa a trovare i miei e rivedere la mia città, ma andavo sempre volentieri anche perché mi sono inserita molto bene nell’ambiente del Cortivo, stimolante e gestito da insegnanti sempre pronti a darti una mano, a chiarire i dubbi: con molti di loro ho fatto amicizia, li vedo sempre con grande piacere. Così ho ricevuto i due ulteriori Attestati, prima quello per gli anziani e poi quello per l’infanzia”.

Dove hai fatto il tirocinio per l’infanzia?

“A Milazzo, nella Scuola Materna Nonna Ciccotta. Agli inizi mi avevano incaricato di seguire il doposcuola per quelli un po’ più grandicelli ma poi, quando mi hanno conosciuto meglio, mi hanno inserito con i più piccoli e alla fine del tirocinio, mi hanno proposto l’assunzione”.

Hai accettato?

“Sicuro, ci mancherebbe altro, ho preso al volo l’opportunità di continuare a giocare, ballare e dipingere con loro e di raccontargli tante belle fiabe…”.

Cosa speri?

“Adesso, dopo aver superato l’esame di abilitazione professionale, sono anche un avvocato a tutti gli effetti. Non mi dispiacerebbe provarci ma aprendo uno studio qui a Milazzo mi aggiungerei ai tanti che già ci sono e molto più conosciuti del mio. Se mi arrivasse qualche proposta interessante potrei provare una collaborazione, ma per il momento tutto tace. E allora quest’estate mi godo per un po’ il mare e poi spero, con grande piacere, di continuare a lavorare con i piccoli”.