INTERVISTA A MARTINA ORLANDI

Sin da ragazzina – racconta Martina Orlandi – ho lavorato con i bambini, prima come animatrice nei centri parrocchiali e baby sitter, poi come supplente negli asili e assistente nei campi estivi per conto della Cooperativa Sociale S. Ambrogio di Vigevano, la mia città in provincia di Pavia. Quando ho ottenuto la maturità scientifica, però, mi sono resa conto del fatto che, per continuare su questa strada, avevo bisogno di un titolo specifico che mi abilitasse ad agire come professionista per l’infanzia. Volevo iscrivermi a Scienze della Formazione a Milano ma c’erano dei problemi di costi e di distanza da casa. Dovevo trovare un’alternativa.

Ed è stato così che ti sei messa in contatto con l’Istituto Cortivo?

Sì, cercando la giusta soluzione ho chiesto consiglio a tante persone. Tra queste, due mi hanno dato dei suggerimenti che mi hanno particolarmente convinto: una ex allieva dell’Istituto Cortivo che lavorava presso la Cooperativa S. Ambrogio e il Direttore della scuola materna gestita dalla stessa Cooperativa. Entrambi mi hanno indirizzato a frequentare il corso per Operatore Socio Assistenziale per l’infanzia dell’Istituto Cortivo, ed è stato così che dopo il colloquio con l’Informatore Didattico, mi sono iscritta.

E come ti sei trovata?

Molto bene, studiavo a casa e non avevo l’obbligo di frequenza, ma quando ho avuto bisogno di qualche chiarimento ho sempre trovato molta disponibilità, comprensione e preparazione da parte dei docenti. Anche il tirocinio è stata un’esperienza estremamente positiva, non l’ho fatto in Cooperativa ma in una casa famiglia per ragazzi disagiati dai 6 ai 13 anni. È stato un periodo bellissimo, molto vitale, ricco di emozioni e soddisfazioni.

Sappiamo che dal settembre scorso lavori presso la Cooperativa Sociale S. Ambrogio.

In effetti sono stata assunta una settimana prima di dare l’esame finale presso l’Istituto Cortivo. All’inizio si trattava di un contratto temporaneo per sostituire una collega che aveva dovuto lasciare improvvisamente il lavoro, ma poi, dopo aver ottenuto l’attestato OSA, sono stata assunta con un contratto a progetto che scade il prossimo agosto ma che ha ottime possibiltà di essere rinnovato.

Com’è la Cooperativa Sociale S. Ambrogio?

È una bella struttura, ben organizzata e in continua espansione. Oggi gestisce quattro asili nido, una scuola materna, un centro gioco aperto tutto il giorno con mensa e dormitorio e una scuola elementare in attività da quattro anni.

Il lavoro non mancherà di certo…

Siamo in tanti, lavoriamo a turni. Io, ad esempio, faccio cinque ore e mezza al giorno, dalle 7.30 alle 9 e dalle 16 alle 18 all’asilo nido e dalle 14 alle 16 alla scuola materna. Le due strutture sono adiacenti e, per fortuna, anche molto vicine a casa mia, così al mattino, dopo le 9, posso fare le mie commissioni e pranzare prima del rientro.

Sei contenta?

Certo, lavoro con i bimbi, sto facendo esperienza anche con due bambini particolari della scuola materna, una con ritardo mentale e l’altro con problemi familiari, e ho solo ventidue anni.

A proposito, progetti per il futuro?

Più che altro sono sogni, per il momento. Però, grazie all’Istituto Cortivo, ho conosciuto il Progetto Cortivo Baby Planet e mi ha molto interessata. È bello sapere che nel caso ci si mettesse in testa di aprire una propria struttura nel sociale c’è qualcuno pronto a darti una mano sul serio. Ormai l’avrete capito, mi piacerebbe tanto aprire un asilo nido, ma voglio farlo quando mi sentirò davvero pronta e adesso ho ancora tanto da imparare…