INTERVISTA A MARIANGELA TRIPODI

Sono contenta che mi abbiate chiamato: ci tenevo molto a portare la mia testimonianza. Voglio far sapere a tutti quanto ho trovato affidabili la professionalità e la qualità dell’Istituto Cortivo.

A parlare così è Mariangela Tripodi di Torre Orsaia (SA), Operatore Socio Assistenziale per l’infanzia con un diploma di Istituto Magistrale, oggi insegnante titolare di una classe presso una scuola materna paritaria della provincia di Salerno.

Dalle tue parole deduciamo che la tua esperienza come ex allieva dell’Istituto Cortivo è stata positiva…

Così positiva che oggi mi ritrovo a fare il lavoro che ho sempre sognato di fare. Ho più di trent’anni e dopo il diploma e l’anno integrativo ho fatto di tutto per insegnare. Ho avuto anche più di un’occasione al nord. Probabilmente se mi fossi trasferita e avessi accettato le supplenze, oggi potrei addirittura essere di ruolo. Ma non è semplice lasciare la propria terra e andarsene, anche perché a volte i legami familiari e i problemi contingenti non ti permettono di fare una scelta così definitiva…

Hai fatto altri lavori?

Sono stata commessa in un negozio e per anni addetta alla reception di un albergo. Stavo comunque a contatto con le persone e questo mi è sempre piaciuto. Ultimamente ero responsabile del servizio buffet in un albergo a 4 stelle. Ho sempre iniziato dalla gavetta ma sono sempre riuscita a salire di livello. È nel mio carattere, sono fatta così, mi piacciono le cose fatte bene.

E con l’Istituto Cortivo come è andata?

Il nome dell’Istituto Cortivo lo conoscevo da anni. La sua pubblicità non mi era indifferente, però nutrivo una certa titubanza, mi facevo molte domande sulla sua serietà e soprattutto sui costi. Insomma, non me la sentivo di impegnarmi economicamente per qualcosa che ritenevo in qualche modo una scelta rischiosa… Però era un’idea riposta in un cassetto… Non si sa mai, pensavo. Poi un giorno ho parlato con una mia amica d’infanzia che si era iscritta e me ne parlò molto bene. Mi incoraggiò in quanto mi disse che con il mio diploma sarei stata senza dubbio facilitata nello studio. La cosa si faceva veramente allettante: avrei potuto ricominciare a studiare, a ritrovare il piacere delle materie che avevo sempre amato, in poche parole avrei ritrovato la mia dimensione culturale, quella che più mi apparteneva. Il problema era sempre quello economico, non me la sentivo di rischiare i miei soldi per un titolo che non sapevo quanto fosse spendibile nel mio territorio, così carente dal punto di vista dei servizi per l’infanzia. A convincermi fu una giovane signora che incontrai in treno. Notai lo zainetto con il marchio dell’Istituto Cortivo e le chiesi informazioni: ritrovai lo stesso entusiasmo della mia amica e non solo. Mi disse che proprio grazie al titolo conseguito stava lavorando. Ci capimmo subito al volo e lei disse che l’Istituto Cortivo era perfetto per poter dare seguito alle mie aspirazioni.

E così ti sei iscritta…

Sì, anche se il mio desiderio continuava a essere quello di fare la maestra. Però ho pensato che con un attestato di Operatore Socio assistenziale per l’infanzia avrei potuto comunque lavorare con i bambini e confrontarmi con la didattica. Così ho fatto il grande passo…

È andata bene?

Altroché! La cosa più bella è stata il tirocinio presso un asilo nido di Vallo della Lucania, anche perché mi hanno accolta molto bene. Conoscevano l’Istituto Cortivo e lo consideravano una garanzia. Mi hanno affidato due bambini con problemi di disadattamento, provenienti da famiglie difficili. La prima volta che vidi la bimba che mi avevano affidato mi si strinse il cuore. Se ne stava sempre seduta in un angolino, completamente muta. Aveva un comportamento asociale, non comunicava. Vederla oggi vivace, partecipe, serena mi gratifica veramente molto.

Quindi, dopo il tirocinio, sei stata assunta…

Un po’ ci speravo, ma sapevo che non c’erano possibilità. Sino allo scorso giugno la nostra struttura funzionava solo come asilo nido. Ho cominciato a sperarci quando a gennaio, finito il tirocinio, mi hanno chiamata prima per le supplenze e poi per il campo scuola estivo. A settembre la struttura è stata riconosciuta come scuola materna paritaria e così la direttrice mi ha proposto un contratto part-time come insegnante: ho letteralmente toccato il cielo con un dito. Oggi ho una classe tutta mia e con me ci sono anche i due bimbi che avevo seguito come tirocinante. Hanno fatto dei progressi incredibili… Ultimamente, dopo il riconoscimento della scuola come paritaria, abbiamo avuto anche una prima ispezione e l’ispettrice, molto scrupolosa, mi ha fatto i complimenti. Una soddisfazione!

Possiamo affermare che iscriverti all’Istituto Cortivo ha dato una svolta alla tua vita?

Accidenti se lo è stata: oggi faccio la maestra e qualche volta non mi sembra vero. Lo consiglio a chiunque desideri un lavoro nel sociale: iscrivetevi e soprattutto credeteci, l’Istituto Cortivo vi darà davvero tutto ciò che promette, una buona preparazione teorica, la possibilità di svolgere un buon tirocinio, di pagare a rate il corso… Non rimarrete delusi, sono tutti soldi ben spesi.