INTERVISTA A LILIANA TABAN

"Ho fatto molti sacrifici per arrivare dove sono arrivata, ma ne valeva la pena". Così esordisce Liliana Taban, giovane donna rumena dall’italiano perfetto, le cui origini si intuiscono solo per una lievissima inflessione est europea. Coraggiosa, Liliana: giunta in Italia a vent’anni con un’amica, si è costruita con umiltà e determinazione il suo futuro. Oggi, dopo aver conseguito l’attestato di OSA per l’Infanzia con l’Istituto Cortivo, lavora presso il centro "Scarabocchiando" di Roma, una struttura all’avanguardia che ospita una sessantina di bambini da 0 a 6 anni.

"Ho svolto diversi lavori in Italia, dall’assistenza agli anziani a cameriera nei ristoranti, ma desideravo crescere professionalmente per trovare un’occupazione nel sociale, magari a contatto con i bambini, che adoro. Mi sarebbe piaciuto laurearmi, ma l’iter burocratico per veder riconosciuto il mio diploma di scuola superiore avrebbe richiesto tempi lunghi e io non volevo aspettare… E così ti sei iscritta all’Istituto Cortivo! "Cercavo su Internet un’opportunità adatta alla mia situazione e l’Istituto Cortivo mi è sembrata la soluzione migliore: potevo studiare continuando a lavorare nel ristorante. È stato faticoso, soprattutto quando ho dovuto far conciliare il tirocinio con gli orari del lavoro, ma ce l’ho fatta e di questo sono felicissima".

Quindi sei soddisfatta della tua formazione…

"Con l’Istituto Cortivo mi sono trovata bene, la preparazione è stata ottima e ho trovato in tutti piena disponibilità e comprensione. Mi hanno sempre aiutato ed è grazie a loro che ho potuto realizzarmi".

Sei stata facilitata anche dalla tua eccellente conoscenza della nostra lingua: come mai parli così bene l’italiano?

"Forse perché mi piace leggere, una delle mie tante passioni. Certamente questo mi ha aiutato perché non ho avuto nessuna difficoltà a studiare su testi in una lingua diversa dalla mia".

Hai svolto il tirocinio da Scarabocchiando e poi sei stata assunta?

"Sì. Ho iniziato a fare pratica nella struttura a maggio dell’anno scorso e, terminato il tirocinio, dopo un mese di prova, mi hanno fatto il contratto. Credo che la direttrice abbia apprezzato il modo in cui ho saputo relazionarmi sin da subito con i bambini e con le loro famiglie, soprattutto in un momento delicato come quello dell’inserimento. Devo dire che ho trovato un ambiente lavorativo meraviglioso, dove mi sono sentita accolta e seguita con attenzione e dove ho potuto contare sulla solidarietà di persone che mi hanno insegnato molto e con cui ho stretto un bel rapporto. Siamo in tanti, ma il clima è quello di una famiglia. Lavoriamo in piena sintonia e tutte le settimane ci riuniamo per confrontarci sui progetti e sul percorso che stanno facendo i nostri bambini".

Sappiamo che stai terminando anche il corso di Operatore Multiculturale…

"È il mio prossimo obiettivo e, visto che Scarabocchiando ospita anche bambini di diverse etnie, potrò svolgere il tirocinio sul posto di lavoro. Sarà un’ulteriore occasione per crescere professionalmente. Qui, infatti, ci sono bimbi provenienti da tutto il mondo, Brasile, Giappone, Olanda, Africa… e non mancano gli operatori multiculturali che ci affiancano nelle nostre attività. Ci sono anche bambini rumeni e il fatto di parlare la stessa lingua mi ha aiutato a favorire il loro inserimento e a comunicare con i loro genitori".

Un tuo parere sull’offerta educativa di Scarabocchiando?

"Indubbiamente d’alto livello: la struttura vanta un’équipe di professionisti veramente qualificati e le proposte formative sono tantissime, dalla psicomotricità ai laboratori di pittura, musica, manipolazione, multiculturalità…".

Abbiamo capito che sei molto contenta di ciò che stai facendo, ma te lo chiediamo lo stesso: altri progetti per il futuro?

"Sono ambiziosa e non nego che un domani, burocrazia permettendo, mi piacerebbe iscrivermi all’Università. Il mio sogno è laurearmi in pedagogia".

Insomma, iscriverti all’Istituto Cortivo ti ha aperto nuovi orizzonti…

"Mi ha cambiato la vita in meglio: ho trovato un buon lavoro, nuovi amici e nuovi ambienti dove posso intrecciare relazioni umane più significative e gratificanti".