Intervista a Genoveffa Maggi

def02 copia

Sebbene si sia appena iscritta all’Istituto Cortivo, Genoveffa Maggi gestisce da giugno 2012 la ludoteca Cucciolandia a marchio Baby Planet a Castellaneta, in provincia di Taranto. Come questo sia possibile sarà lei stessa a raccontarcelo.

“Dopo aver conseguito il diploma di ragioniera in un istituto tecnico, ho passato un lungo periodo senza riuscire a intraprendere un percorso che mi convincesse del tutto. Prima ho fatto un anno all’università di Bari, corso di scienze giuridiche e di impresa, ma non mi piaceva e ho mollato. Poi tutta una serie di lavori e lavoretti in vari campi, commessa, barista, baby sitter… Il tempo passava, stavo andando verso i trent’anni, dovevo affrontare la questione di petto! Mi ero sempre sentita adatta per lavorare con i bambini e spesso avevo pensato alla possibilità di aprire una struttura dedicata all’infanzia, ma avevo le idee confuse sino al giorno in cui ho incontrato Cristina, ovvero Mariacristina Netti: la conoscevo già ma solo in quell’occasione ho capito che avevamo molte cose in comune. Lei aveva appena ottenuto l’Attestato di OSA per l’Infanzia con l’Istituto Cortivo ed era decisa a mettere in piedi qualcosa di suo. Stava per recarsi a Padova a seguire un corso di Impresa Sociale e mi invitò ad andare con lei. Detto e fatto, siamo partite insieme”.

Come è andata?

“Benissimo, atmosfera accogliente e tante persone serie e preparate, pronte a darci le informazioni di cui avevamo bisogno. Ci hanno spiegato tante cose, dandoci tutta una serie di concetti base che ancora oggi ho ben chiari in mente. Siamo ritornate più decise ed entusiaste che mai e, in breve, abbiamo aperto il centro ludico”.

Che orario praticate?

“Dalle otto all’una, alle due per quelli che si fermano a mangiare: abbiamo un buon servizio catering e molti genitori scelgono questa modalità che gli garantisce un’ora in più per le loro faccende. Abbiamo tanta richiesta, il passaparola ha funzionato alla grande, e siamo molto apprezzate. Abbiamo un progetto educativo e la carta dei servizi e, durante l’anno che va da settembre a giugno, svolgiamo tante attività; manipolazione, pittura, giochi, lavoretti, canzoni e la ginnastica, che seguo io perché fra l’altro ho la qualifica di istruttrice di aerobica. Poi facciamo tante feste, quelle della mamma e del papà, Natale, carnevale, Pasqua e compleanni, sempre coinvolgendo anche genitori e parenti. Stiamo andando bene, e proprio per questo ho sentito il bisogno di iscrivermi all’Istituto Cortivo, per avere un titolo che attestasse la mia professionalità”.

A che punto sei?

“Sono all’inizio del percorso di studi, ma so già che tutto andrà bene, sono molto motivata e spero proprio di poter aggiungere una buona formazione teorica all’esperienza pratica che già possiedo. Del resto qui il Cortivo è molto presente. Oltre alla mia socia Cristina e a un’altra ragazza, che è assistente per l’infanzia, c’è infatti un’altra OSA Cortivo che lavora con noi. E colgo l’occasione per segnalare che siamo molto disponibili ad accogliere tirocinanti, con tutte le attività che facciamo il personale non basta mai!”