INTERVISTA A ELIANA PETRELLA

Eliana Petrella vive a Vibo Valentia ma, per un buon lavoro, sarebbe disposta a trasferirsi in qualsiasi regione d’Italia. Con tre attestati dell’Istituto Cortivo come Operatore Socio Assistenziale per l’infanzia , per anziani e Operatore Multiculturale, Eliana ha finito gli studi a tempo di record.

A stupirsi sono stati gli stessi insegnanti: preparavo anche tre, quattro esami insieme e, in poco meno di due anni, ho portato a termine tre corsi di formazione con tanto di teoria, tirocini e relazioni finali.

Una vera passione la tua…

Mi affascinavano le materie, psicologia, pedagogia… tuttora continuo a tenermi aggiornata, mi piace tutto ciò che riguarda la mente umana, la relazione fra le persone, le dinamiche psicosociali… Anche i tirocini sono stati un’esperienza indimenticabile.

Me ne vuoi parlare?

I primi due, quelli inerenti l’infanzia e gli anziani, li ho svolti presso l’Ospedale Civile di Catanzaro, uno nel reparto Pediatria e l’altro a Geriatria. Ho un ricordo molto positivo di quel periodo: si era creato un bel clima con i pazienti e con l’équipe, dal primario sino agli ausiliari. Quello che più mi è rimasto nel cuore, però, è il tirocinio presso il Consultorio Familiare di Vibo Valentia. In quell’occasione sono stata a contatto con casi difficili, con famiglie e bambini anche stranieri che vivevano situazioni di grande disagio. Mi hanno colpito le storie di alcune ragazze madri, davvero toccanti… mi piacerebbe molto lavorare in un contesto come quello dei consultori, così a diretto contatto con le emergenze…

Invece il lavoro lo avevi trovato in una Comunità Psichiatrica… “Sì. Alla fine del 2006 sono stata contattata della Cooperativa CO.RI.SS. di Tiriolo e ho iniziato a lavorare alla Villa Arcobaleno di Limbadi. La Comunità si occupa della terapia e del reinserimento di pazienti con malattie psichiche di lieve entità. Io seguivo alcuni casi di schizofrenia, ritardo mentale e morbo di Wilson. Il lavoro non era male ma ho preferito lasciarlo perché desidero concentrarmi sulla ricerca di un lavoro nel campo dell’infanzia, un settore per il quale mi sento particolarmente portata.

Ti piacciono i bambini?

Tantissimo. Ho già lavorato con loro negli asili nido e nei villaggi turistici, dove intrattenevo gli ospiti, anche quelli più piccoli, con corsi di danza moderna e aerobica.

E per lavorare con i bimbi saresti disposta a spostarti da Vibo?

Certamente, infatti ho inviato il mio curriculum ovunque, anche presso le strutture segnalatemi dall’Istituto Cortivo. Ora sono in attesa di una risposta da Avellino, dover cercano personale per una Casa Famiglia. So che l’organizzazione che la gestisce ha un’ottima opinione degli Operatori Socio Assistenziali formati dall’Istituto Cortivo. Comunque non mi fermo qui: sono disposta a spedire lettere e a contattare enti, cooperative e associazioni di tutta Italia. L’importante è trovare la situazione giusta per me, possibilmente nel mondo dell’infanzia.