INTERVISTA A DANIELA PRIMITIVO

Mi è sempre piaciuta l’idea di lavorare nel sociale. Per questo mi sono iscritta al corso OSA per l’infanzia dell’Istituto Cortivo. È stata una decisione che ha dato forma e sostanza a quel desiderio che coltivavo da tanto tempo“.

Inizia così l’intervista con Daniela Primitivo, di Caltagirone, che oggi sappiamo impegnata a seguire il secondo anno del corso universitario di Scienze Infermieristiche attivato nella sua città dall’Università di Messina…

Sì, sono stati proprio i buoni risultati che stavo ottenendo con l’Istituto Cortivo a convincermi a tentare la scalata di un altro gradino nel mondo del sociale. Mi sono iscritta quando ancora dovevo dare gli ultimi esami per OSA. Essendo un corso a numero chiuso, ho dovuto sostenere un pre-esame ed attendere il responso positivo per l’ammissione. Nel frattempo avevo già trovato lavoro nell’asilo nido Do Re Mi dove avevo svolto il tirocinio, un’esperienza che mi è piaciuta davvero moltissimo. Avevo accettato l’impegno con riserva, nel senso che se la risposta dell’Università fosse stata positiva avrei dovuto lasciarli per dedicarmi completamente allo studio. Passarono così tre bei mesi di lavoro con i bambini sino a quando ricevetti la comunicazione che tanto aspettavo: potevo iniziare il corso all’Università“.

E come sta andando?

Molto bene. È una laurea triennale e conto di finire entro il novembre del 2007. Seguendo le lezioni e studiando le materie mi rendo conto ancora una volta di quanto mi è stato utile il corso che ho fatto con l’Istituto Cortivo. Ritrovo gli stessi argomenti, sono più pronta a recepire le lezioni, studio e apprendo con facilità. In questo periodo sto svolgendo il tirocinio per l’Università nel reparto di Pediatria dell’Ospedale. Sono sempre bambini, come all’asilo, ma qui c’è la sofferenza, è più difficile ma anche più coinvolgente. Mi rendo sempre più conto del valore di un’attenzione, uno sguardo, un sorriso, una parola, un gioco… Ho avuto anche modo di capire che il lavoro nel sociale è tutto appagante. Quando ho scelto il corso dell’Istituto Cortivo per l’infanzia non l’ho fatto a caso. Credevo che stare con i bambini fosse la cosa più bella in assoluto, non credevo di riuscire a gestire il rapporto con gli anziani. Qui in ospedale, per esigenze di servizio, mi sono invece trovata alle volte a contatto con i problemi della terza età e ho capito che anche in quel settore si possono ottenere delle grandi soddisfazioni…

Come vedi il tuo futuro?

In modo positivo, dopo la laurea sono sicura di trovare lavoro, qui in Sicilia o nella peggiore delle ipotesi nel nord Italia. Se devo dire cosa mi piacerebbe di più, il mio sogno sarebbe di trovare impiego in un reparto di pediatria come quello dove adesso faccio il tirocinio. Ma ormai mi sento pronta a tutto, amo aiutare gli altri, e negli ospedali le occasioni per fare del bene non mancano davvero“.