Certificazioni e accreditamenti

L’Istituto Cortivo ha sempre fatto della qualità un punto irrinunciabile della sua politica aziendale, nei confronti degli allievi e, più in generale, della comunità. Le sue attività formative  sono progettate e gestite in base ai criteri di un Sistema di Gestione della Qualità certificato secondo la norma UNI EN ISO 9001:2008, per le quali l’Istituto ha ottenuto la certificazione nel 2002.

Le aziende attente al tema della Responsabilità Sociale sono responsabili del comportamento che adottano per la produzione di beni e servizi e si impegnano a superare la mera osservanza delle norme giuridiche introducendo codici di condotta volontari più restrittivi e votati al miglioramento continuo. Per questo, scelgono di certificarsi applicando lo standard SA8000, sigla di Social Accountability (Responsabilità Sociale), secondo la norma elaborata nel 1997 ed aggiornata nel 2008 dal SAI (Social Accountability International).

Nel 2005 l’Istituto Cortivo ha ottenuto per le sue attività di progettazione ed erogazione di attività formative nel sociale la certificazione di conformità ai requisiti della norma SA 8000:2008 del Sistema di Responsabilità Sociale adottato. La certificazione è stata poi rinnovata, sempre per tre anni, nel 2008 e nel 2011.

Qualità significa anche trasparenza e legalità. E su questo piano l’Istituto ha ottenuto nel 2013 un importante riconoscimento: ha ricevuto infatti dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM), tra le prime aziende italiane,  il Rating di Legalità, riservato soltanto alle realtà economico-imprenditoriali che fanno del rispetto delle regole un impregno imprescindibile e strategico.

Credibilità e valore dell’attività formativa sono stati attestati inoltre anche da due associazioni di categoria – Sicool e Synesis – che hanno inserito l’Istituto Cortivo tra le scuole accreditate, certificando così l’adeguatezza dei corsi e la professionalità degli insegnanti. L’accreditamento, in entrambi i casi, attesta il livello formativo raggiunto, definisce le modalità dell’aggiornamento continuo (come previsto dalla legge n.4 del 14 gennaio 2013), promuove la visibilità dei professionisti iscritti all’associazione.